Tag: triennio ecm

Proroga-1200x630.jpg

Proroga ECM fino al 2020: tutto quello che c’è da sapere

gennaio 13, 2020by Digital FormedicaECM0

Il Triennio ECM 2017-2019 è stato prorogato fino al 31/12/2020. Ecco tutti i dettagli


Il Triennio ECM 2017-2019 è stato prorogato fino alla data 31/12/2020. I Medici inadempienti avranno quindi un anno di tempo per potersi mettere in regola, al fine di evitare sanzioni e addirittura la perdita di copertura assicurativa.


Questo provvedimento avrà effetto anche sulla proroga del triennio 2014-2016 entro la fine del 2019?


Sì. I professionisti inadempienti avranno la possibilità di totalizzare 300 Crediti ECM fino al 31/12/2020.


L’inizio del triennio 2020-2022 slitterà al 2021?


No. Il Triennio 2020-2022 è già cominciato, e procederà regolarmente fino al 31/12/2022.


Se il triennio 2020 non è slittato, come facciamo a distinguere fra crediti del triennio 2017 e quelli del triennio 2020?


I professionisti in regola con il numero di crediti nel triennio 2017/2019 possono tranquillamente continuare a frequentare i corsi ECM per l’attuale triennio. Le date di acquisizione verranno depositate regolarmente. I professionisti al momento inadempienti, invece, al conseguimento dei crediti, potranno decidere di allocarli agli scorsi trienni o mantenerli sul triennio attuale accedendo al proprio portale Cogeaps.


Nello scorso triennio erano state previste delle riduzioni. Sono ancora valide?


No. Se, nonostante le eventuali riduzioni conseguite nel triennio 2014/2016, non si è riusciti a completare l’obbligo formativo del triennio 2017/2019, e quindi si sceglie di avvalersi della proroga, bisognerà conseguire la totalità dei 150 Crediti.


Per altri articoli  sul mondo della sanità, visita la nostra sezione blog.


BovengaHome-1200x630.jpg

Corsa ai Crediti ECM. Bovenga (Cogeaps): «Da dovere giuridico torni ad essere motivo di soddisfazione»

novembre 29, 2019by Digital FormedicaECM0

In un’intervista a “Sanità e Informazione” il Presidente del Consorzio gestione Anagrafica delle Professioni Sanitarie ha sottolineato l’importanza di un cambio di prospettiva sull’Educazione Continua in Medicina.


È risaputo che conseguenze della Legge Gelli, approvata ormai ben due anni fa, sono ancora tutt’altro che chiare. Ma Sergio Bovenga, presidente del Cogeaps, durante un convegno per l’appunto titolato “Lo stato dell’arte a due anni dall’approvazione della Legge Gelli” ha fornito esempi di vita reale che dovrebbero mettere in guardia tutti i professionisti sanitari ancora privi dei necessari crediti formativi ad un solo mese dalla fine del trienni: decadenze dalle graduatorie di concorsi, minacce di terminazione di contratto in strutture private, e così via.


Ma, secondo Bovenga, questi non dovrebbero essere i motivi principali che portano i professionisti sanitari a mettersi in regola con i crediti. «La formazione continua, ovvero il dovere giuridico e deontologico all’aggiornamento professionale, deve tornare ad essere un ‘piacere’ ed un motivo di motivata e motivante soddisfazione» ha infatti affermato il presidente di Cogeaps. L’ECM è  un requisito indispensabile in tanti ambiti: per l’impiego in alcuni enti pubblici, per l’impiego nel privato accreditato, per gli scatti contrattuali, per le selezioni alla direzione di struttura complessa. «L’occasione è molto importante e anche molto sfidante. In tutto questo sistema la formazione determina la professionalità dei professionisti e quindi ha un ruolo importante. Il sistema complessivamente è un sistema in crescita. I macro dati, ancorché lontani dall’essere conclusivi ci dicono che il sistema è in crescita in tutti i suoi indicatori: partecipazione, eventi, crediti» ha poi aggiunto.


Durante il sopracitato convegno, Bovenga ha trattato primariamente i temi relativi al contenzioso. Alla luce della Legge Gelli, la Formazione Continua ricopre una parte cruciale, e la mancanza di copertura di Crediti ECM può causare grossissimi problemi al Professionista in debito formativo. Bovenga ha anche mostrato una istanza di accesso agli atti richiesta nel corso di un contenzioso: l’ECM è sempre più un valido strumento per dimostrare che il professionista è in linea con l’aggiornamento professionale.


Riguardo invece al dossier formativo, ha poi aggiunto: «Una delle ultime iniziative assunte dalla Commissione nazionale ECM è stata quella di valorizzare ulteriormente il dossier formativo che in questo triennio genera una riduzione di 30 crediti laddove venga partecipato. La Federazione nazionale degli Ordini ha fatto un dossier di gruppo, quindi sostanzialmente ha posto in capo a ciascuno degli oltre 400mila iscritti medici e odontoiatri la possibilità di fatto di usufruire di questa riduzione e questo sul piano dell’incentivazione del dossier. Il dossier è uno strumento sfidante perché in qualche modo ci obbliga a pensare al nostro percorso formativo. Quindi a non fare una formazione a caso, a seconda di quello che il sistema offre ma a porsi la domanda cosa mi serve, su cosa ho bisogno di migliorare o di innovare e come posso farlo».


Per altri articoli  sul mondo della sanità, visita la nostra sezione blog.


Chi Siamo

7.Logo_Home_Footer

Formedica S.r.l, Provider Ministeriale n°157, è un’azienda dedicata, sin dal 2002, alla creazione di progetti formativi per lo sviluppo delle persone e delle organizzazioni in ambito medico-sanitario, industriale e sociale. Attraverso gli strumenti scientifici, comunicazionali, manageriali e dell’analisi dei fabbisogni, persegue gli obiettivi di qualità e di efficacia nella formazione in ambito sanitario.